RS Nijinsky - Arte&BallettO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Compagnie > Repertorio - Pneuma


NIJINSKY, LA RIVOLTA DELL’ANIMA estratti stampa

Un omaggio all’opera del ballerino, al genio del coreografo e alla tenacia del sognatore.
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO – Giugno 2009

Fu  uno dei pochi uomini in grado di danzare sulle punte, Vlacav Nijinsky.  La sua sfida ai limiti del corpo umano rivive nello spettacolo  “Nijinsky, la rivolta dell’anima”, produzione della compagnia Pneuma  Dance Theater di e con il coreografo barlettano Mauro de Candia. La  performance, va oltre il semplice omaggio alla figura più virtuosa della  storia della danza, protagonista dei palcoscenici russi di inizio ‘900.
de  Candia parte dai diari dell’artista per tracciare una storia fatta di  movimenti di scena spigolosi e decisi che si alternano a sentimenti  fragili. I passi di Nijinsky sembravano ignorare la forza di gravità, ma  la costante ricerca di equilibrio era espressione di un tumulto  interno. Una lotta estrema per reagire alla consapevolezza della follia.
Anna Puricella, REPUBBLICA – Giugno 2009

Un’artista passato alla storia per le sue indiscusse performance  ricche di creatività, molto particolari per la sua epoca (i primi del  1900) frutto della sua natura ribelle, delle sue inclinazioni, spesso  votate al narcisismo e che lo porteranno alla follia, ad una visione  distratta della realtà.
Non è un balletto espressamente narrativo,  è la rivoluzione e la ribellione della figura maschile e del ballerino  con una chiave di lettura proiettata in uno sfrenato egocentrismo e in  una geniale creatività: è la rivolta dell’anima di Nijinsky genio e  sregolatezza con i suoi comportamenti votati al protagonismo eccelso ed  assoluto. Mauro de Candia, continua a collezionare successi.
CORRIERE DELL’OFANTO – Giugno 2009

Temperamento, passione, pulizia formale. Sintesi coreografica,  sfera emozionale, intensità espressiva, atletismo. Capacità autoriale  (frutto di studio e abnegazione), in grado di iconografare visivamente  (con incisività) la lucida follia (vera chiave di volta) di un maestro  russo (di origine polacca) della danza, fra i più versatili del XX  secolo.
Con essenzialità (in un gioco di metafore della luce al  buio, dalla gloria al declino: abito “noir” e sedie alla rinfusa “on  stage”), in una sorta di labile (freudiano) confine tra onirico e  misticismo, Mauro de Candia ha messo a punto di recente la polisemica  performance dal titolo “Nijinsky: la rivolta dell’anima”.
In meno  di 60 minuti gli spettatori hanno avuto la chance di fruire di un  universo poliedrico, evincendo il fragile equilibrio del genio  sovietico, cogliendone le metamorfosi introspettive ed ontologiche.
Protagonista  la sensibilità di un ragazzo, distante dall’odierno “mordi e fuggi”  modaiolo. Movimenti ben calibrati, costruzione in crescendo, finale “da  brivido” (funzionali gli accostamenti musicali da Chopin a Debussy fino a  Rachmaninov e Stravinsky).
Assenti orpelli e sovrastrutture, con  una cifra stilistica in un mix atipico di “fiabesco” e “maledettismo”.  Prossimamente in tournée all’estero, continua il viaggio di un’autentica  personalità.
Gianluca Doronzo, QUOTIDIANO DI PUGLIA  – 6 Giugno 2009
                                  
            
        
             
     
              
       
                   
      
    


  
  
 
Copyright 2016-2021 All rights reserved Arte&BallettO - Barletta(Bt) - P.Iva: 06179520728
Torna ai contenuti | Torna al menu